info@mywebsite.com 800-2312-323

La Cucina Collaborativa

cucina collaborativa web banner

La Cucina Collaborativa

Obiettivi e Approccio

L’aumento dei livelli di insicurezza alimentare e malnutrizione sono tra le sfide urbane più rilevanti associate agli impatti della pandemia COVID-19 nelle città europee. La New European Bauhaus Initiative (NEB) lanciata dalla Commissione Europea cerca di stimolare la ripresa post-COVID delle città e delle comunità europee affrontando questioni come l’accessibilità alimentare, la circolarità e la resilienza urbana attraverso i principi NEB di inclusività, sostenibilità e qualità dell’esperienza. L’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT) sostiene tale iniziativa attraverso una collaborazione di diverse delle sue Comunità della conoscenza e dell’innovazione (CCI).

In questo contesto, il progetto “La Cucina Collaborativa” ha l’obiettivo di aumentare la circolarità del sistema di donazione del cibo, attraverso un processo di co-design che coinvolge una rete territoriale molto estesa di attori protagonisti, chiamati a immaginare soluzioni che ripensano il sistema del dono alimentare nel territorio di Reggio Emilia, non solo per ridurre lo spreco, ma anche per sostenere concreti processi d’inclusione di persone nella comunità.

Per dieci settimane “La Cucina Collaborativa” coinvolgerà le persone del sistema di dono alimentare di Caritas Diocesana Reggio Emilia – Guastalla: commensali, volontari e donatori, ma anche rappresentanze delle istituzioni, del terzo settore e delle imprese, attraverso una serie di dialoghi interattivi e workshop, che si terranno presso Caritas Reggio Emilia e il Laboratorio Aperto dei Chiostri di S. Pietro. Lo scopo è immaginare il futuro del dono per ridurre lo spreco alimentare, ma anche sostenere i processi d’inclusione di persone e comunità.

Photo credits: Caritas Reggio Emilia

Partnership

“La Cucina Collaborativa” è un progetto finanziato nell’ambito della Call: Cross-KIC New European Bauhaus Call for Proposals for Citizen Engagement e sviluppato con il sostegno di EIT Food.

Il progetto, ideato e realizzato dal Design Policy Lab (Dipartimento di Design, Politecnico di Milano) in partnership con Caritas Reggio Emilia, è supportato anche da Reggio ChildrenFondazione Reggio ChildrenPause – Atelier dei Sapori e dal Laboratorio Aperto dei Chiostri di S. Pietro.

Timeline delle attività

Kick-off Event
20 Settembre 2021

Il progetto “La Cucina Collaborativa” è stato ufficialmente presentato il 20 settembre 2021, presso il Centro Loris Malaguzzi di Reggio Emilia, dai protagonisti che lavoreranno all’iniziativa.

Sono intervenuti: Stefano Maffei, project lead e professore ordinario del Politecnico di Milano; Isacco Rinaldi, direttore di Caritas Reggio Emilia; Tommaso Emiliani, di EIT Food; Marco Colombo, responsabile distribuzione alimentare di Caritas Reggio Emilia; Martina Carraro, dottoranda presso il Design Policy Lab; Claudia Giudici, presidente di Reggio Children e Antonietta Serri, presidente di Consorzio Quarantacinque.

L’agenda dell’evento è consultabile a questo link.

Workshop 1 – Comprendere i bisogni delle persone
14 Ottobre 2021

Il workshop 1 si concentrerà sull’esperienza dei commensali di Caritas, compresa la comprensione delle loro preferenze e dei loro bisogni alimentari, il ruolo del cibo nella loro vita e le opportunità per migliorare l’esperienza culinaria di Caritas.

Workshop 2 – Nuovi scenari circolari per il dono alimentare
28 Ottobre 2021

Il workshop 2 si concentrerà sui food donors e la comprensione delle loro motivazioni ed esperienze nell’atto del donare. Si identificheranno le opportunità per migliorare sia la loro esperienza di donazione che la qualità delle donazioni.

Workshop 3 – Co-progettare idee circolari contro lo spreco alimentare
11 Novembre 2021

Il terzo e ultimo workshop riunirà l’intero sistema di donazione di cibo di Reggio Emilia – commensali, food donors, personale di Caritas, policy-makers e altri stakeholder – per generare concepts che rispondano meglio ai bisogni dei commensali e dei donatori, riducendo al contempo lo spreco alimentare.